Oggi avevo proprio bisogno di staccare un attimo la spina. Giubbotto, guanti, guinzaglio e via! L’aria fresca e umida che ti entra nelle narici, il rumore dell’acqua che scorre e i passi veloci e delicati del cane che annusa un cespuglio e l’altro.

A me camminare fa proprio bene specialmente se immerso nella natura. E’ una sorta di scarica d’energia che fa tornare la motivazione e che rilassa al tempo stesso, sciogliendo i pensieri più intricati come i capelli dopo aver usato il balsamo.

E così ho scelto di condividere con voi queste  considerazioni sulla base della mia esperienza.

Al mare, in montagna, in campagna, in città: camminare, in ogni luogo e in ogni occasione, fa bene.

E se in vacanza o nel tempo libero dedichiamo più tempo ed energie a camminare, dovremmo imparare l’importanza di camminare ogni giorno come parte delle ruotine, sostituendo le piccole comodità quotidiane (come l’ascensore, le scale mobili o il mezzo di trasporto che ci accompagna fino alla porta dell’ufficio) con una sana camminata.

Il motivo?

Non solo camminare fa dimagrire, ma questo tipo di allenamento soft – che non richiede una preparazione atletica ed è indicato davvero per tutti; è un vero toccasana per tutto l’organismo.

Senza considerare che si può camminare davvero ovunque e con chiunque, trasformando un momento di sport in un’occasione di socialità e dialogo.

Ecco, allora, alcuni motivi per cui è importante camminare ogni giorno dedicando a questa attività almeno 30 minuti del nostro tempo.

Camminare ogni giorno fa bene al cuore

Camminare a passo sostenuto fa bene alla circolazione sanguigna e riduce il rischio di soffrire di patologie cardiache. Camminare ogni giorno ad una buona velocità, infatti, consente di fare un esercizio di tipo aerobico, aumentando la frequenza del respiro e il dinamismo del battito cardiaco.

Questo tipo di attività fisica diminuisce il rischio di ipertensione, di colesterolo alto e di malattie coronariche, proteggendo il cuore.

Dedicare 30 minuti al giorno a camminare consente, quindi, di rimanere in salute senza fare troppi sforzi o sacrifici: sarà sufficiente rinunciare all’ultimo tratto di autobus, percorrendo un po’ di strada a piedi, o uscire a camminare per un giretto dopo cena.

Camminare per prevenire il diabete

Camminare ogni giorno aiuta anche a prevenire il diabete di tipo 2.

Uno studio condotto dalla George Washington University School of Public Health and Health Services, che è stata anche pubblicata sulla celebre rivista Diabetes Care, ha dimostrato come camminare aiuti a ridurre la concentrazione di zuccheri nel sangue ed a riportarli ad un livello regolare, a lungo.

Per prevenire il diabete di tipo 2, secondo gli studiosi, è preferibile camminare ogni sera dopo cena, concedendosi una passeggiata di almeno 30 minuti ad un passo regolare o leggermente sostenuto. In questo modo potrete migliorare i livelli di tolleranza al glucosio, ossia la capacità di assorbimento del glucosio ad opera delle cellule.

 Camminare fa dimagrire

Per perdere peso e ritrovare una forma fisica snella e tonica, non servono per forza ore ed ore trascorse in palestra.

Per iniziare a recuperare contatto con l’organismo ed a risvegliare tutto il corpo dal torpore della sedentarietà, il consiglio degli esperti è quello di camminare ogni giorno a passo sostenuto per almeno 30 minuti: una sessione di allenamento smart, veloce e facile da tollerare. Un training decisamente meno impegnativo per chi rischia di stancarsi, di non reggere la fatica e, successivamente, di abbandonare la missione.

Perché camminare fa dimagrire? Semplice! L’attività aerobica, con l’aumento del battito cardiaco e della frequenza della respirazione, aiuta a riattivare il metabolismo e la circolazione. Nel frattempo, il movimento muscolare favorisce la tonificazione dei tessuti delle gambe, degli addominali e delle braccia, rassodando a fondo.

Insomma, camminare ogni giorno fa dimagrire, senza stress o sacrifici. Allacciate le scarpe da corsa ed uscite a passeggiare: la vostra silhouette ringrazierà di certo!

Camminare allunga la vita

Un’affermazione, forse, un po’ forte, ma certificata: che camminare allunghi la vita lo ha dichiarato proprio l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il motivo? Le patologie legate ad uno stile di vita sedentario sono sempre più diffuse e letali tra la popolazione mondiale. Ipertensione, ictus cerebrali, cardiopatie ischemiche sono alcune delle malattie che causano più morti ogni anno e che si possono prevenire con uno stile di vita sano, che comprenda l’abitudine di camminare ogni giorno.

Quanto?

La distanza ottimale, sempre secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, è di 3 chilometri al giorno, tramutati in circa 5000 passi: una distanza che, a leggersi, potrebbe sembrare privativa, ma che è in realtà assolutamente gestibile rinunciando a piccole comodità e percorrendo qualche tratto a piedi in più.

Camminare all’aria aperta riduce lo stress

Lo afferma uno studio condotto in sinergia da ricercatori provenienti da diversi Atenei, come la University of Michigan, il James Hutton Institute, la De Montfort University e l’Edge Hill University (EHU).

Insieme, i ricercatori hanno certificato come camminare immersi nel verde sia un vero toccasana per chi ha problemi di agitazione e forte stress.

Camminare ogni giorno a contatto con la natura aiuta a riequilibrare le emozioni ed a distendersi, allontanando le tensioni e ritrovando il benessere fisico e mentale.

E voi siete della stessa idea? Condividetelo nei commenti!

Scarica GRATIS le Prime 30 Pagine del Libro in PDF

Iscriviti alla Newsletter e Scarica Gratuitamente le Prime 30 Pagine del Mio Libro. Inserisci il tuo Nome e la tua Email negli appositi spazi sottostanti e clicca su "Voglio Iscrivermi".

Consenso Trattamento Dati

You have Successfully Subscribed!

Share This